Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dipartimento di Ingegneria della Sostenibilità

Progetti/Accordi di Ricerca

Energia e sostenibilità

Accordi di Ricerca del CARe - Center for Automotive Research and evolution con Toyota Motor Italia

Il CARe - Centro di ricerca sull'auto e la sua evoluzione, dell’Università degli Studi Guglielmo Marconi, svolge attività di ricerca e sviluppo di tecnologie e soluzioni innovative per gli autoveicoli e per i sistemi industriali, di mobilità, di comunicazione ed energetici nei quali essi sono necessariamente inseriti.
Il Direttore del CARe è il prof. Fabio Orecchini (direttore del DIS) ed i suoi Componenti, oltre al Direttore, sono il prof. Adriano Santiangeli ed il prof. Fabrizio Zuccari entrambe membri anche del DIS.

Vai al sito CARe

Progetto "SOSTENOBILETÀ"

Il progetto Sostenobiletà è un progetto cofinanziato dal Regione Toscana nell’ambito del FEASR del Piano di sviluppo rurale 2014-2020 - Progetto Integrato di Filiera 2015, dal titolo «La Nobil-età in un bicchiere: 50 anni di Nobile di Montepulciano». L’obiettivo principale del progetto è quello di realizzare una “Piattaforma Collaborativa” accessibile all’indirizzo www.nobilesostenibile.it. La Piattaforma Collaborativa non è altro che un sistema organizzato e strutturato della conoscenza nel quale è possibile fruire di servizi informativi e di applicativi gestionali sulla sostenibilità. In particolare, è stata realizzata un’area di servizi informativi che permette l’interazione degli organismi di ricerca, delle imprese agricole, delle tecnologie innovative a basso impatto ambientale, e dei centri per l’innovazione nel settore vitivinicolo. All’interno del sito è stata sviluppata un’applicazione web denominata “Portale della Sostenibilità” che rappresenta uno strumento efficace e interattivo per l’autovalutazione della sostenibilità non solo aziendale ma anche territoriale. La predetta applicazione è stata sviluppata e implementata dal Dipartimento di Ingegneria dell’Università degli Studi “Guglielmo Marconi”, coordinato dal Prof. Umberto Di Matteo.
Al progetto hanno partecipato 3 aziende vitivinicole della DOCG del Vino Nobile di Montepulciano che hanno collaborato nell’implementazione del protocollo di sostenibilità all’interno delle proprie aziende, la società QS&R che ha implementato alcuni indicatori di sostenibilità nelle aziende vitivinicole e la CIA toscana che ha curato gli aspetti di divulgazione e diffusione dei risultati tra gli operatori del settore.

Ingegneria strutturale e geotecnica

Joint Working Agreement DIS - DICEA Università degli studi di Napoli Federico II

  • 2017: Joint Working Agreement siglato tra il DIS e il Dipartimento DICEA (Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile ed Ambientale) dell’Università degli studi di Napoli Federico II per le attività di ricerca svolte congiuntamente nel progetto europeo LIQUEFACT (Assessment and mitigation of liquefaction potential across Europe: a holistic approach to protect structures / infrastructures for improved resilience to earthquake-induced liquefaction disasters”, Unione Europea, Horizon 2020). Il responsabile scientifico per il DICEA è il prof. Alessandro Flora, il responsabile scientifico per il DIST è la prof.ssa Stefania Lirer.

Progetto Esecutivo Convenzione DPC/ReLUIS 2018 – AQ DPC/ReLUIS 2014-2018 - PR 5: Materiali innovativi per applicazioni su costruzioni esistenti (Mat). Responsabile scientifico Unità di Ricerca: prof. Elio Sacco (Università di Napoli Federico II)

La Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica (ReLUIS), costituita con atto convenzionale sottoscritto il 17 aprile 2003, è un consorzio interuniversitario che ha lo scopo di coordinare l'attività dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica, fornendo supporti scientifici, organizzativi, tecnici e finanziari alle Università consorziate e promovendo la loro partecipazione alle attività scientifiche e di indirizzo tecnologico nel campo dell'Ingegneria Sismica, in accordo con i programmi di ricerca nazionali ed internazionali in questo settore.

  • 2018: l’attività di ricerca ha come obiettivo principale lo sviluppo di modelli teorici in grado di simulare il meccanismo di interfaccia tra rinforzo - matrice cementizia – supporto in muratura. La peculiarità fondamentale di questi modelli dovrà essere quella di poter simulare sia meccanismi di crisi della matrice, sia meccanismi di slittamento del rinforzo nella matrice, nonché meccanismi legati al collasso per trazione del rinforzo. Ciò sarà di particolare utilità proprio nella corretta valutazione delle prestazioni ultime del sistema di rinforzo FRCM alla luce dei possibili meccanismi di distacco.