Università degli Studi Guglielmo Marconi

Insegnamento
Qualità e sicurezza delle costruzioni meccaniche
Docente
Prof. Citti Paolo
Settore Scientifico Disciplinare
ING-IND/14
CFU
6
Descrizione dell'insegnamento

Il corso si propone di fornire allo studente competenze specifiche per l’individuazione delle problematiche di Qualità e Sicurezza relative alle Costruzioni Meccaniche, con particolare attenzione alle competenze necessarie nella fase di progettazione meccanica. Il corso si propone, inoltre, di fornire allo studente le competenze necessarie per lo sviluppo e la realizzazione dei Sistemi Qualità e per l’analisi delle condizioni di sicurezza intrinseca delle macchine (Direttive di prodotto e Direttive sociali).

Obiettivi formativi (espressi come risultati di apprendimento attesi)

Il corso di Qualità e sicurezza delle costruzioni meccaniche fornisce agli studenti un quadro generale sulla materia, presentando, le principali normative, le metodologie e gli strumenti atti a garantire il miglioramento della qualità e della sicurezza nella progettazione meccanica. L’obiettivo principale dell’insegnamento consiste quindi nel fornire agli studenti gli strumenti per comprendere le principali problematiche legate alla materia.
Al termine del corso lo studente sarà in grado di scegliere e applicare le metodologie presentate; sarà in grado di applicare la propria conoscenza per identificare, formulare e risolvere problemi di ingegneria industriale e specificamente meccanica, definendo le specifiche e i vincoli di sicurezza.
La verifica della capacità di apprendimento verrà effettuata tramite le prove d’esame, nonché sulla base delle discussioni tenute nell'ambito delle aule virtuali.

Prerequisiti

Non sono richiesti requisiti specifici.

Contenuti dell'insegnamento
  • La Qualità in Azienda
  • La normativa UNI EN ISO 9000:2015 - Sistemi di gestione per la qualità
  • L´approccio Six Sigma, come sfida per il miglioramento continuo ed il business
  • Sicurezza delle macchine
  • Direttive di prodotto: concetto di "nuovo approccio" e "approccio globale“
  • Direttiva Macchine (La Direttiva 2006/42/CE del 17 maggio 2006 (detta nuova direttiva macchine) è stata recepita ed attuata per l'Italia mediante il Decreto Legislativo 27 gennaio 2010, n. 17)
Attività didattiche
Didattica Erogativa
L'insegnamento prevede, per ciascun CFU, 5 ore di Didattica Erogativa, costituite da 2,5 videolezioni (tenendo conto delle necessità di riascolto da parte dello studente). Ciascuna videolezione esplicita i propri obiettivi e argomenti, ed è corredata da materiale testuale in pdf e da eventuale materiale destinato ad approfondimenti.
Didattica Interattiva
L'insegnamento segue quanto previsto dalle Linee Guida di Ateneo sulla Didattica Interattiva e l'interazione didattica, e propone, per ciascun CFU, 1 ora di Didattica Interattiva dedicata alle seguenti attività: lettura area FAQ, partecipazione ad e-tivity strutturata costituita da attività finalizzate alla restituzione di un feedback formativo e interazioni sincrone dedicate a tale restituzione. Sono a tal proposito svolte aule virtuali di 2 ore che consentono una interazione sincrona con lo studente. In particolare, il docente attraverso le aule virtuali potrà dialogare con gli studenti e restituire un feedback su gli esami fatti e i test di verifica ed autovalutazione, approfondire gli argomenti di maggiore criticità intervenendo su specifiche tematiche con ulteriori spiegazioni.
Modalità di verifica dell'apprendimento
L’esame si svolge sia in forma scritta che orale, con una durata massima di 120 minuti.
La prova è costituita da 3 domande aperte, di carattere teorico ed applicativo, sugli argomenti oggetto della materia attraverso i quali lo studente deve dimostrare di aver compreso e fatte proprie le conoscenze oggetto del corso e di essere in grado di interpretarle, ai fini dell’applicazione in contesti reali. Lo studente deve, inoltre, dimostrare di aver acquisito capacità di approccio alla risoluzione di problemi.
Sebbene le prove di verifica e di autoverifica intermedie non contribuiscono alla formulazione del giudizio finale e non sono obbligatorie ai fini del sostenimento della prova d’esame, la quale deve essere svolta in presenza dello studente davanti ad apposita Commissione ai sensi dell´art. 11 c.7 lett. e) del DM 270/2004, sono comunque consigliate per una autovalutazione da parte dello studente ed una consapevolezza di quanto appreso.
Libri di testo

Oltre alle lezioni realizzate dal Docente ed ai materiali didattici pubblicati in piattaforma, sono consigliati i seguenti testi:

  • Arcidiacono, G., Calabrese, C., Rossi, S., 2007, - Six Sigma: Manuale per Green Belt. Governare i processi per governare l’impresa. (Minibook), Springer, ISBN 978-88-470
  • Brun, A., Casadio Strozzi, M., 2016 - Manuale Six Sigma per le Green Belt: Guida Pratica alla metodologia e agli strumenti, Amazon
  • Bonafè, E., Lecchi, G., - 2011 - La nuova direttiva macchine. Guida pratica all'acquisto, installazione ed utilizzo delle macchine, Hyper

Per un ulteriore approfondimento:

  • Gibertoni, M., 2006, Six Sigma e azienda snella, Il Sole 24 Ore
  • Citti, P., Arcidiacono, G., Campatelli, G., 2019 (in corso di ristampa) - Fondamenti di affidabilità
  • Arcidiacono G., Citti P., Mazzeranghi A., Spinelli L., 1999, Guida alla Sicurezza delle Macchine: il DPR459/96 Direttiva Macchine, Nuovo Studio Tecna
Ricevimento studenti

Giorno e ora previo appuntamento ( p.citti@unimarconi.it).