Università degli Studi Guglielmo Marconi

Disciplina
Antropologia culturale
Docente
Prof.ssa Rubichi Viviana
SSD
M-DEA/01
Crediti
6
Descrizione

Il corso ripercorre la “storia degli studi” attraverso l’opera dei principali antropologi e le principali teorie antropologiche, soffermandosi in particolare sul significato di due concetti antropologici fondamentali: la religione e l’identità etnica.
In un secondo momento, attraverso la comparazione tra le identità e le religioni nella zona di Israele/Palestina, si cercherà di mettere in luce le somiglianze e differenze tra le parti in conflitto, caratteristiche che fanno delle popolazioni e delle religioni prese in esame un fenomeno culturale unico. Attraverso l’esercizio di tale comparazione, verrà rappresentata inoltre la natura empirica dell’antropologia culturale.

I crediti formativi acquisiti tramite il presente insegnamento possono essere annoverati tra quelli previsti dal DM 616/2017, art. 3., con riferimento all'antropologia, in quanto i suoi obiettivi di apprendimento e i suoi contenuti sono da considerarsi integralmente inclusi fra quelli previsti dagli Allegati A e B (lettera c) del suddetto decreto, con particolare riferimento ai seguenti:

  • Le origini del concetto antropologico di cultura
  • Differenziazione e stratificazione della cultura
  • Superamento della categoria scientifica di razza
  • Popolazioni genetiche e famiglie linguistiche
  • Le aree culturali e la globalizzazione, comunicazione orale e comunicazione scritta
  • Differenze, disuguaglianze e gerarchie
  • Definizioni di razzismo
  • Le etnie e l'etnicità
  • Etnocentrismo e relativismo culturale
  • I significati del termine "etnia"
  • Religioni, nuovi media e politica
  • Il fondamentalismo religioso
  • Usi politici dell'etnicità e delle appartenenze religiose
  • Le migrazioni e globalizzazione
Obiettivi didattici

Al termine di questo corso, lo studente sarà in grado di:

  • acquisire gli strumenti basilari per comprendere l´importanza dell´antropologia culturale come "chiave di lettura" di ogni civiltà e di ogni popolo;
  • identificare le tappe fondamentali della storia degli studi secondo una prospettiva diacronica dalla fondazione della disciplina alle più recenti teorie contemporanee;
  • approfondire la tematica relativa al conflitto israelo-palestinese dal punto di vista religioso usando come materiale di base i testi sacri e letterari dedicati a Gerusalemme.
Prerequisiti

Non sono richiesti requisiti specifici

Programma del corso
  • Che cosa è l´antropologia culturale
  • Che cosa significa "cultura" in senso socio-antropologico
  • Storia dell´Antropologia: l´evoluzionismo culturale
  • Il particolarismo storico e il diffusionismo (Boas)
  • La scuola socio-antropologica francese (Durkheim)
  • Il funzionalismo britannico (Malinowski)
  • Il funzionalismo strutturale britannico (Radcliffe-Brown)
  • L´antropologia culturale in Italia (Ernesto De Martino)
  • Lo strutturalismo (Lévy-Strauss)
  • Antropologia interpretativa (Clifford Geertz)
  • La religione come fattore culturale fondamentale: che cos´è la religione, significato e funzione del mito, i riti, religioni "primitive", "superiori" e monoteismi
  • L´identità culturale; che cosa è l´identità culturale
  • Religione e identità culturale
  • L´importanza del mito nella creazione dell´identità culturale
  • Gerusalemme come fonte di identità nei testi sacri e nella letteratura ebraica e musulmana
Libri di testo

Oltre alle lezioni realizzate dal Docente ed ai materiali didattici pubblicati in piattaforma, è obbligatorio lo studio dei seguenti testi:

  • A. Cossiga, Identità a confronto, Eurilink, 2013
  • A. Brelich, Introduzione alla storia delle religioni, Edizioni dell´Ateneo
Criteri di valutazione

Tutte le prove di verifica e autoverifica intermedie previste dai Corsi ed erogate in modalità distance learning sono da considerarsi altamente consigliate e utili ai fini della preparazione e dello studio individuali. Le prove di verifica e autoverifica intermedie non sono obbligatorie ai fini del sostenimento della prova d´esame, la quale deve essere svolta in presenza dello studente davanti ad apposita Commissione ai sensi dell´art. 11 c.7 lett.e) del DM 270/2004.

Modalità della prova finale

L´esame finale è volto a verificare la comprensione degli argomenti trattati, la capacità di applicare correttamente le nozioni a casi studio e la comprensione delle problematiche proposte nel corso.
L’esame si svolge in forma scritta e/o orale.
La prova scritta consiste in domande aperte sugli argomenti specifici del corso e viene richiesto allo studente di motivare in modo adeguato le risposte dimostrando di aver compreso gli argomenti richiesti. La prova scritta ha una durata massima di 90 minuti.
La prova orale consiste in un colloquio frontale sugli argomenti trattati nel corso. Durante la prova orale verrà richiesto agli studenti di esporre gli argomenti trattati durante il corso, al fine di verificare la capacità di apprendimento delle nozioni apprese, sia di presentare degli esempi, per verificare la comprensione degli argomenti trattati.
La prova orale ha una durata media di 20 minuti.

Ricevimento studenti

Previo appuntamento (v.rubichi@unimarconi.it)