Università degli Studi Guglielmo Marconi

Insegnamento
Istituzioni di diritto romano
Docente
Prof. Ceccarelli Morolli Danilo
Settore Scientifico Disciplinare
IUS/18
CFU
06
Descrizione dell'insegnamento

Il corso di Istituzioni di diritto romano espone in modo organico la disciplina prevista in funzione degli interessi dei singoli all’interno dell’ordinamento giuridico romano, studiandone in modo elementare (appunto, istituzionale) i dati fondamentali, che si riferiscono agli aspetti sostanziali e processuali del diritto privato romano. Si tratta di una vicenda più che millenaria, anche se il grande valore di questa esperienza è dovuto in particolare alla attività dei giuristi svoltasi in uno specifico momento di tale vicenda. Se ne si richiede dunque uno studio storico. In concreto, dopo avere indicato una periodizzazione, necessaria per individuare origine e svolgimento di tale diritto, saranno via via esposti, alla luce delle testimonianze romane, le cosiddette fonti e i momenti processuali del diritto, per poi trattare dei vari istituti del diritto privato (persone e istituti familiari, fatti, atti, negozi giuridici, beni, diritti reali, obbligazioni e contratti, successioni a causa di morte, donazioni).

Obiettivi formativi (espressi come risultati di apprendimento attesi)
  • Individuare le fonti del diritto romano.
  • Introdurre alla conoscenza storica dei principali elementi del diritto privato.
  • Comprendere l’evoluzione del diritto alla base del diritto civile moderno.
  • Conoscere la composizione del Corpus Iuris Civilis.
  • Cogliere l’unicità del diritto romano.
Prerequisiti

Non sono previsti prerequisiti.

Contenuti dell'insegnamento
  1. Introduzione alla materia e alla bibliografia.
  2. Premesse generali sulla “periodizzazione” del diritto romano. Il Corpus Iuris Civilis di Giustiniano.
  3. I soggetti dell’ordinamento giuridico romano. Capacità giuridica e cause modificatrici la capacità. Alcuni concetti giuridici fondamentali (ius, lex, fas, nefas, ius civile, ius prætorium, ecc.).
  4. Il processo romano e la sua evoluzione: legis actio, processo per formulas, cognitio extra ordinem.
  5. Gli istituti giuridici della famiglia: patria potestas, filiazione, adozione, adrogatio, tutela e curatela.
  6. Il matrimonio nel diritto romano. I requisiti del matrimonium iustum. Gli effetti del matrimonio e cessazione del matrimonio (divortium, repudium). Cenni sui rapporti patrimoniali tra coniugi.
  7. Il testamento romano e sue caratteristiche. La testamenti factio activa e passiva. La divisione dell’eredità e l’hereditas iacens. Varie tipologie del testamento romano. Le donazioni e le piæ causæ.
  8. Il “negozio giuridico” in diritto romano. Gli elementi essenziali e quelli accessori del “negozio giuridico”. La “patologia” del negozio giuridico.
  9. Le obbligazioni: fonti e tipologia. Modi di adempimento e di estinzione delle obbligazioni. La societas romana. Il pegno e l’ipoteca nel diritto romano.
  10. Le cose – res – e la proprietà. Modi di acquisizione della proprietà e trasferimento di essa. Il condominio, la servitù, la superficie, l’enfiteusi.
  11. Diritto penale romano. Crimina e delicta. La repressione criminale: le quæstiones perpetuæ. Cenni su alcuni dei principali crimina nell’ordinamento giuridico romano.
  12. Alcuni aspetti “monografici” quali “cittadinanza e immigrazione a Roma”, “il sistema di Intelligence da Roma a Costantinopoli”, “Giustiniano legislatore universale”.
Attività didattiche
Didattica erogativa. L'insegnamento prevede, per ciascun CFU, 5 ore di Didattica Erogativa, costituite da 2,5 videolezioni (tenendo conto delle necessità di riascolto da parte dello studente). Ciascuna videolezione esplicita i propri obiettivi e argomenti, ed è corredata da materiale testuale in pdf.

Didattica interattiva. L'insegnamento segue quanto previsto dalle Linee Guida di Ateneo sulla Didattica Interattiva e l'interazione didattica, e propone, per ciascun CFU, 1 ora di Didattica Interattiva dedicata alle seguenti attività: lettura area FAQ, partecipazione ad e-tivity strutturata costituita da attività finalizzate alla restituzione di un feedback formativo e interazioni sincrone dedicate a tale restituzione.
Modalità di verifica dell'apprendimento
Criteri di valutazione

Tutte le prove di verifica e autoverifica intermedie previste dai Corsi ed erogate in modalità distance learning sono da considerarsi altamente consigliate e utili ai fini della preparazione e dello studio individuali. Le prove di verifica e autoverifica intermedie non sono obbligatorie ai fini del sostenimento della prova d´esame, la quale deve essere svolta in presenza dello studente davanti ad apposita Commissione ai sensi dell´art. 11 c.7 lett.e) del DM 270/2004.

Modalità della prova finale

L´esame si svolge in forma scritta e/o orale.
La prova scritta consiste in domande aperte di tipo tematico/concettuale. La prova ha una durata massima di 90 minuti.
La prova orale consiste in colloquio con alcune domande a cui il candidato deve rispondere.
Libri di testo

Oltre alle lezioni realizzate dal Docente ed ai materiali didattici pubblicati in piattaforma, è obbligatorio lo studio, a scelta di uno dei seguenti testi (in base alla preferenza linguistica): seguenti testi a scelta in base alla preferenza linguistica.

• V. Arangio-Ruiz, Istituzioni di Diritto Romano, Ed. Jovene, Napoli (ult. ed.)

oppure

• D. Ceccarelli Morolli, A Brief Outline of Roman Law, Roma 2012, Ed. Gangemi.

Per approfondimenti:

• Lovato, S. Puliatti, L. Solidoro Maruotti, Diritto Privato Romano, Ed. Giappichelli, Torino 2014

Ricevimento studenti

Previo appuntamento (d.ceccarellimorolli@unimarconi.it)