Università degli Studi Guglielmo Marconi

Insegnamento
Diritto del lavoro comunitario e internazionale
Docente
Prof. D'imperio Giulio
Settore Scientifico Disciplinare
IUS/14
CFU
06
Descrizione dell'insegnamento

Il corso si articola in due differenti moduli.

Il primo modulo riguarda il diritto del lavoro internazionale partendo dalle sue origini storiche e fonti, dalla disamina dell’O.I.L. (Organizzazione internazionale del lavoro) e delle convenzioni e raccomandazioni emanate e la procedura per doverle adottare oltre ai vari meccanismi di controllo adottati dall’O.I.L. Altro argomento trattato riguarda le imprese multinazionali e gli standard internazionali del lavoro che devono essere adottati, il collegamento esistente tra la disciplina del lavoro e quella del commercio internazionale

Il secondo modulo riguarda le disposizioni a livello comunitario partendo dal Consiglio d’Europa, dagli interventi comunitari a livello sociale esaminando le disposizioni relative al rapporto di lavoro in ambito comunitario anche relativamente alle norme relative all’ingresso dei cittadini comunitari in paesi terzi. E’ stata prevista anche la parte relativa a Garanzia Giovani, misura comunitaria per l’introduzione dei giovani nel mercato del lavoro, esaminando le norme applicative nei diversi paesi comunitari.  

Ulteriori eventuali approfondimenti verranno valutati conformemente alle novità normative riguardanti il rapporto di lavoro.

Obiettivi formativi (espressi come risultati di apprendimento attesi)
L’obiettivo che si intende raggiungere con il corso in Diritto del Lavoro comunitario ed internazionale è quello di fornire agli studenti una panoramica normativa sia internazionale che comunitaria relativa alla materia del diritto del lavoro. In questo si vuole raggiungere l’obiettivo di fornire agli studenti una visione completa della disciplina del rapporto di lavoro, in un mondo del lavoro sempre più “globale”. In modo particolare si intende esaminare le diverse direttive comunitarie relative al rapporto di lavoro che rappresentano la base della riforma del mercato del lavoro italiano.

Al termine di questo corso lo studente sarà in grado di:
  • Comprendere le origini fonti del diritto del lavoro comunitario ed internazionale e l’evoluzione storica della disciplina
  • Comprendere le differenze tra norme universali e regionali
  • Comprendere il ruolo dell’O.I.L. e la sua organizzazione
  • Comprendere la differenza tra raccomandazioni e convenzioni e le procedure per adottarle
  • Approfondire la disciplina lavoristica applicabile alle imprese multinazionali
  • Approfondire la disciplina del lavoro marittimo
  • Comprendere il collegamento esistente tra la disciplina del diritto del lavoro e quella del commercio internazionale
  • Comprendere il ruolo del Consiglio d’Europa
  • Comprendere gli interventi comunitari in ambito sociale
  • Approfondire le norme comunitarie relative alla materia del diritto del lavoro
  • Approfondire la disciplina relativa a Garanzia Giovani in ambito comunitario.
Potranno esserci ulteriori approfondimenti nel caso in cui dovessero verificarsi evoluzioni normative relative al lavoro in ambito comunitario ed internazionale per le quali gli studenti mostrino particolare interesse.
Prerequisiti

Non sono previsti prerequisiti

Contenuti dell'insegnamento
  • Le origini e le fonti internazionali del diritto del lavoro
  • Le norme del diritto internazionale del lavoro a vocazione universale
  • L’O.I.L.Il Consiglio d’Europa
  • Robert Owen il precursore del welfare aziendale
  • Il lavoro marittimo
  • La disciplina lavoristica per le imprese multinazionali
  • L’adozione della Carta Sociale e della Carta Sociale riveduta
  • La politica sociale comunitaria e la libera circolazione dei lavoratori
  • Le disposizioni comunitarie in materia di lavoro
  • Le disposizioni comunitarie relative all’ingresso ed al lavoro dei cittadini di paesi terzi
  • La carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea
  • La normativa Europea per Garanzia Giovani e l’applicazione nei diversi stati
Attività didattiche
Didattica erogativa

L’insegnamento prevede, per ciascun CFU, 5 ore di Didattica Erogativa, costituite da 2,5 video lezioni (tenendo conto delle necessità di riascolto da parte dello studente). Ciascuna video lezione esplicita i propri obiettivi e argomenti, ed è corredata da materiale testuale in pdf .

Didattica interattiva

L’insegnamento segue quanto previsto dalle Linee Guida di Ateneo sulla Didattica Interattiva dedicata alle seguenti attività: lettura area FAQ, partecipazione ad e–tivity strutturata costituita da attività finalizzate alla restituzione di un feedback formativo e interazioni sincrone dedicate a tale restituzione
Modalità di verifica dell'apprendimento
1.     Tipologie di prove di esame                            
L’esame si svolge in forma scritta e/o orale.
La prova scritta consiste in domande aperte di tipo tematico/concettuale sugli argomenti indicati nel programma. Viene richiesto allo studente di motivare in modo adeguato le risposte esponendo nel dettaglio gli argomenti richiesti. La prova ha una durata massima di 90 minuti.

La prova orale si svolge presso la sede centrale dell’Università in Roma ed avviene alla presenza di una Commissione di esame. Tale prova consiste in un colloquio nel quale vengono poste alcune domande relative a tematiche trattate nel programma, al fine di poter valutare l’effettivo livello di padronanza dei concetti e degli istituti affrontati nel percorso di studio, nonché le capacità espositive dello studente.
 
2.     L’attribuzione del giudizio finale avviene considerando la capacità dello studente di aver acquisito una approfondita conoscenza della materia e dei suoi contenuti, dimostrando di aver acquisito i suoi principi metodologici, applicativi e lessicali relativi all’interpretazione giuridica. A tale fine è consigliabile, per la preparazione dell’esame, studiare su un idoneo testo, confrontarsi con le video lezioni. L’ulteriore materiale didattico che è in piattaforma serve come completamento del programma anche in virtù di novità normative che possano essersi verificate.
Tutte le prove di verifica e autoverifica intermedie previste dai Corsi ed erogate in modalità distance learning sono da considerasi altamente consigliate e utili ai fini della preparazione e dello studio individuali. Le prove di verifica e autoverifica intermedie non sono obbligatorie ai fini del sostenimento della prova d’esame.      
Libri di testo

Oltre alle lezioni realizzate dal Docente ed ai materiali didattici pubblicati in piattaforma, è obbligatorio lo studio dei seguenti testi:

  • Zanobetti A., Il diritto internazionale del lavoro. Norme universali, regionali e dell´Unione europea, Giuffrè Editore, Milano, Ultima edizione
Ricevimento studenti

Previo appuntamento (g.dimperio@unimarconi.it)