Università degli Studi Guglielmo Marconi

Insegnamento
Diritto regionale e degli enti locali
Docente
Prof. Ciarletta Fabio Panfilo
Settore Scientifico Disciplinare
IUS/09
CFU
06
Descrizione dell'insegnamento

Il corso è finalizzato ad assicurare un’approfondita conoscenza della disciplina giuridica concernente l’organizzazione e le finalità delle regioni e degli enti locali. Al riguardo, verranno approfonditi i profili strutturali dei predetti enti, alla luce della metamorfosi costituzionale e dell’evoluzione della giurisprudenza della Corte Costituzionale.

Obiettivi formativi (espressi come risultati di apprendimento attesi)
Al termine del corso lo studente sarà in grado di:

1 – Risultati in termini di conoscenza e comprensione
  • Conoscere le discipline degli istituti fondamentali del Diritto regionale e degli enti locali e dei relativi meccanismi strutturali, organizzativi e funzionali. A tal fine, gli istituti oggetto del programma di esame verranno approfonditi al fine di assicurare agli studenti una chiave di lettura unitaria e generale, attraverso l’esame delle relative norme e dell’evoluzione dottrinale e giurisprudenziale.
Al termine del corso, lo studente sarà in grado di:
  • comprendere la diacronia della disciplina;
  • approfondire i profili strutturali della materia;
  • approfondire i profili organizzativi delle regioni e degli enti locali;
  • conoscere i profili evolutivi e di trasformazione dell’azione delle regioni e degli enti locali.
2 - Capacità di applicare conoscenze e comprensione
  • Applicare le competenze teoriche acquisite, risolvendo problematiche trattate anche in giurisprudenza, attraverso i metodi appresi dalla fruizione delle lezioni, dal materiale didattico e dalle attività interattive realizzate attraverso, altresì, le aule virtuali. 
3  – Competenze trasversali
  • Acquisire e sviluppare competenze trasversali, integrando lo studio del diritto regionale e degli enti locali con gli istituti del diritto costituzionale e del diritto amministrativo. Tali attività sono volte ad assicurare allo studente la capacità di esaminare, comprendere e comunicare, attraverso la chiarezza di analisi, le problematiche giuridiche, altresì, oggetto della giurisprudenza costituzionale.
Prerequisiti

Non sono previsti prerequisiti.

Contenuti dell'insegnamento
  • Autonomia regionale e autonomia locale: profili storico-evolutivi
  • Autonomia finanziaria delle Regioni e degli Enti Locali. Art. 119 della Costituzione
  • Le Regioni e gli Enti Locali nella Costituzione
  • Le forme associative
  • Il Segretario Comunale ed il Direttore Generale
  • Funzioni della dirigenza nell'ente locale
  • Amministrazione comunale ed organi politici
  • I Consiglieri Comunali e la Giunta Comunale
  • Le cause di incompatibilità nell'Ente locale
  • Controllo sugli organi degli Enti Locali
  • I controlli interni nell'Ente Locale
  • L'accesso ai documenti e l'accesso civico negli Enti Locali
  • Le Regioni ed i Comuni nella realizzazione delle comunicazioni elettroniche
  • Regioni e Comuni nel controllo e nella gestione dei beni soggetti a tutela
  • Il conflitto di interessi nell'amministrazione locale 
Attività didattiche
Didattica Erogativa
L'insegnamento prevede, per ciascun CFU, 5 ore di Didattica Erogativa. Ciascuna videolezione esplicita i propri obiettivi e argomenti, ed è corredata da materiale testuale in pdf.

Didattica Interattiva
L'insegnamento segue quanto previsto dalle Linee Guida di Ateneo sulla Didattica Interattiva e l'interazione didattica, e propone, per ciascun CFU, 1 ora di Didattica Interattiva dedicata alle seguenti attività: lettura area FAQ, partecipazione ad e-tivity strutturata costituita da attività finalizzate alla restituzione di un feedback formativo e interazioni sincrone dedicate a tale restituzione.
Modalità di verifica dell'apprendimento
L’esame si svolge in forma scritta e/o orale. La prova scritta consiste nella sottoposizione allo studente di domande a carattere aperto di tipo tematico/concettuale con il quale, mediante l’analisi di specifici istituti, da un lato, si mira a valutare l’effettiva preparazione dello stesso e, dall’altro, il livello di comprensione dei singoli argomenti affrontati nel percorso di studio. La prova ha una durata massima di 90 minuti.

La prova orale consiste in un colloquio tra il docente e lo Studente incentrato sulla proposizione di alcune domande alle quali il candidato è chiamato a rispondere, al fine di poter valutare l’effettivo livello di padronanza dei concetti e degli istituti affrontati nel percorso di studio, nonché le capacità espositive dello studente.
Libri di testo

Oltre alle lezioni realizzate dal docente ed ai materiali presenti in piattaforma è obbligatorio lo studio dei seguenti testi:

  • G. ROLLA, Diritto regionale e degli enti locali, Giuffrè, Milano, ultima Edizione.

 

Ricevimento studenti

Previo appuntamento (f.ciarletta@unimarconi.it)