Università degli Studi Guglielmo Marconi

Anagrafe della Ricerca

 

L'Anagrafe della Ricerca di Ateneo ha lo scopo di valorizzare il patrimonio esistente di competenze e risultati scientifici, di realizzare e stimolare una significativa crescita, qualitativa e quantitativa, delle attività di ricerca, di ottimizzare l'uso delle risorse destinate alla ricerca. Il sistema è stato progettato per contenere oltre al censimento dei ricercatori dell'Ateneo e dei risultati della produzione scientifica (pubblicazioni quali libri, articoli su riviste scientifiche, proceedings; brevetti; prodotti multimediali; disegni; ecc.) anche il censimento delle attività di ricerca nell'ambito di programmi, progetti e contratti nonché le competenze scientifiche presenti nell'Università degli Studi Guglielmo Marconi.

Gli obiettivi possono essere così sintetizzati:

  • disporre di un sistema di catalogazione delle attività di ricerca dell'Ateneo consultabile da tutti facilmente via web;
  • avere una base di dati da potere utilizzare anche per altre attività istituzionali dell'Ateneo (relazioni del Nucleo di Valutazione; statistiche per il MIUR);
  • fornire un'informazione completa relativamente all'attività di ricerca dell'Università a chiunque ne abbia interesse ed in particolare a:
    • studenti, borsisti, dottorandi anche al fine di un potenziale inserimento nell'ambito della ricerca;
    • docenti e responsabili di strutture in cui si svolge l'attività di ricerca al fine di acquisire consapevolezza delle proprie capacità di produzione scientifica;
    • imprese, istituzioni pubbliche, organizzazioni al fine di fare conoscere all'esterno la capacità di produzione scientifica dell'Ateneo nonché il relativo potenziale di innovazione anche al fine di reperire fonti alternative di finanziamento mediante commesse di ricerca o stanziamenti ad hoc per borse, assegni e dottorati.
  • valorizzare le competenze scientifiche presenti dando visibilità alla migliore produzione scientifica;
  • creare un sistema di valutazione, in linea con le indicazioni ministeriali, anche per individuare metodi di distribuzione delle risorse volti alla crescita e allo sviluppo dell'attività di ricerca;
  • fornire dati agli organi istituzionalmente preposti (Senato, Consiglio, Nucleo di Valutazione, ecc.) ed ovviamente ai Dipartimenti, da cui estrarre i dati di volta in volta richiesti da enti vari (MIUR, CRUI, CNR, ISTAT);
  • conoscere quali attività sono state già sviluppate in un dato settore e chi se ne è occupato;
  • proporre le ricerche effettuate o in corso all'esterno al fine di incentivare partnership con il mondo produttivo e sociale per reperire finanziamenti per attività congiunte.

Il progetto è in fase di sviluppo e la sua realizzazione avviene in modo graduale. Pertanto i dati oggi disponibili in queste pagine rappresentano un punto di partenza e verranno integrati nei prossimi mesi.